Visita Nutrizionistica

Dott. Riccardo Rossi Marcelli

Sede: Via Appiano n. 13/C

Guidonia Montecelio (RM)

P.I. 15647231008

N° iscrizione Albo AA_084827 (Sezione A)

Cookie Policy    Privacy Policy

 

logo1-white

facebook
instagram
whatsapp

Home

Chi Sono

Cosa posso fare per te

Blog

Collaborazioni

Dove Ricevo

Contatti

logo bianco

facebook
instagram
whatsapp

Gli spuntini e il giusto appetito

2023-11-04 13:38

Riccardo Rossi Marcelli

Consigli, spuntini, energia, apporto nutrienti, fuori pasto, spezza fame, attività fisica, carico glicemico,

Gli spuntini e il giusto appetito

Gli spuntini e il giusto appetito

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

-

Nel nostro paese lo “spizzicare” viene visto come l’abitudine scorretta del mangiare fuori pasto, in maniera non programmata, non controllata e senza avere appetito, ragion per cui risulta difficile associarlo ad uno stile di vita sano ed a una dieta bilanciata.

 

In realtà il termine anglosassone “snacking” viene impiegato per indicare gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio che ben si differenziano dal mangiare casualmente fuori pasto in quanto hanno un ruolo ed una collocazione temporale ben precisi all’interno della dieta e devono rispondere ad esigenze nutrizionali specifiche.

mandorle-isolate-su-fondo-bianco-si-chiuda-(1).jpeg

Esiste una moltitudine di evidenze scientifiche a sostegno del fatto che frazionare la distribuzione giornaliera di energia e l’apporto di nutrienti in 4-5 occasioni, rispetto a concentrarli nei soli 3 pasti principali, abbia un impatto positivo sulla qualità complessiva della dieta e sul metabolismo:

 

- il consumo di uno spuntino a metà mattina e/o a metà pomeriggio evita il sovraccarico digestivo e metabolico;

- migliora il controllo dell’assunzione calorica nei pasti principali contribuendo al controllo del peso corporeo, ecco perché questi due pasti prendono generalmente il nome di “spezza-fame”. Il consumo di un piccolo snack fra un pasto e l’altro permette di arrivare al pasto principale meno affamati e, di conseguenza, favorisce una scelta più ponderata della qualità e della quantità del cibo che si mette nel piatto ai pasti principali;

 

- frazionare i nutrienti in diverse occasioni aiuta a ridurre il carico glicemico complessivo dei pasti e permette di mantenere costante la concentrazione di glucosio circolante, evitando l’insorgenza di cali e picchi glicemici e mantenendo bassi i livelli di insulina;

 

- per chi svolge un’attività fisica intensa lo spezza-fame aiuta a ripristinare le riserve di glicogeno e mantenere integro il tessuto muscolare;

 

- la lipolisi (ovvero il consumo di trigliceridi) viene maggiormente attivata.

 

Ovviamente il fuori pasto non deve prescindere da una corretta alimentazione generale e non deve andare ad aggiungere ulteriori calorie all’introito giornaliero.

 

Gli spuntini devono entrare a fare parte in maniera bilanciata della dieta quotidiana: sostanzialmente la qualità e la quantità degli alimenti consumati durante colazione, pranzo e cena dovrebbero guidare la scelta della merenda che meglio si adatti alle abitudini e alle esigenze.

Sito realizzato da riclicco.it

 

Visita Nutrizionistica